Iscrivetevi.... riceverete tanti consigli utili

Seguitemi anche via email

sabato 10 novembre 2012

PER LA VOSTRA SICUREZZA
Oggi parliamo un po’ delle vostra sicurezza e di come affrontare piccoli incidenti che potrebbero verificarsi.
Nell’ambiente domestico , non sto facendo l’uccellaccio del malaugurio però è sempre meglio essere informati per non farsi prendere dal panico dovesse succedere qualcosa. Sono semplici  consigli che spero gradirete.
Prima di tutto è bene ricordare che il numero da chiamare per richiedere soccorso sanitario è il
118
Che potete comporre da qualsiasi telefono, la telefonata è gratuita.
E’ bene ricordare che quando chiamate, gli operatori del 118  vi formuleranno alcune domande con l’obbiettivo di raccogliere gli elementi essenziali, per inviare i mezzi e il personale adeguato, in modo da dare una risposta efficace  e più rapida possibile.
Le informazioni che dovete fornire cercando di essere più chiari possibili
Sono:
·         LUOGO PRECISO DELL’EVENTO : località,  via/piazza, numero civico, nome sul campanello .
·         CIRCOSTANZE DELL’ EVENTO
·         CONDIZIONI DELLA VITTIMA
·         FORNIRE LE PROPRIE GENERALITA’ compreso numero di telefono
·         OGNI ALTRA INFORMAZIONE RICHIESTA

LE FERITE
Queste possono essere di vario tipo : abrasione, da taglio, da punta, lacero- contusa(ferite con margini frastagliati, causata da oggetti con superfici irregolari come sassi ecc.. )
La prima cosa dafare  nel caso la ferita risulti contaminata ad esempio da terriccio , plvere ecc..bisogna pulire bene la ferita con acqua corrente e se volete potete usare una garza sterile . Non usate il classico batuffolo di ovatta perchè si sfilaccia e i residui potrebbero entrare nella ferita , dopo utilizzate disinfettante o acqua ossigenata che va messa a getto sulla ferita. E ricordate  NO all’ alcool, perchè non è un dsinfettante efficace ed è lesivo per i tessuti , SI all’acqua ossigenata, che non brucia , disinfetta e non macchia . una volta disinfettata sopra la ferita deve essere applicato un cerotto (in caso di piccole o medie ferite) ,in farmacia li trovate di tutte le forme e colori , stando sempre attenti ad applicare il cerotto senza toccare la parte centrale costituita da una piccola garza assorbente, in caso di ferite più grandi e bene porvi sopra una garza sterile fissandola ai bordi con dei cerotti . In caso di ferite con oggetti che rimangono conficcati, tipo coltelli o vetri, mi raccomando NON provate a RIMUOVERE l’oggetto da soli perchè potrebbe causare un emorragia più grave, in quanto il residuo può agire da tappo riducendo la fuoriuscita di sangue. In questo caso limitatevi a tamponare con una garza sterile i bordi attorno il punto di ingresso del corpo estraneo.
In caso  di emorragie esterne smplici parliamo di emorragie modeste, bisogna intervenire sdraiando il ferito, sollevando l’eventuale arto e applicare sostanze ferdde (acqua , ghiaccio),  cercare di comprimere la ferita maunalmente, fasciare in maiera da esecitare una lieve compressione.
Per le emorragie delle parti alte :posizionare il ferito in posizione semiseduta se è possibile , altrimenti sdraiatelo in posizione orizzontale , senza sollevare gli arti.
Per le emorragie delle parti basse : posizione supina e se possibile arti inferiori sollevati.
 Emmorragien interne  sono di due tipi semplici :ecchimosi e ematomi
E quelle gravi che non presentano segni particolari, ma potete riconoscerle per l’insorgere di alcuni sintomi quali: Irrequietezza ,ansietà, torpore, debolezza,pallore , pelle fredda e umida, senzo di freddo, respiro affannoso.
CONTUSIONI
E’ una lesione traumatica  caratterizzata da  dolore immediato, dalla comparsa di un arrossamento locale e da gonfiore, e dalla comparsa nelle ore successive di un livido violaceo. Sulle contusioni va applicato immediatamente il ghiaccio perchè il freddo agisce da vasocostrittore riducendo l’emamtoma e il gonfiore .
USTIONI
Quando vi trovate difronte a un ustione dovete mettere la parte interessata sotto l’acqua corrente  o in acqua ghiacciata, ripetendo questa pratica per un paio di volte, dopo se volete potete applicare una pomata grassa , io personalmente preferisco l’aloe pura o quella in crema, e buona soprattutto per le scottature solari dando un pò di sollievo. Per le Ustioni più gravi usate sempre acqua fresca se la persona è impregnata di vestiti bollenti andrà raffreddata sempre con acqua e NON TOGLIETE per nessun motivo i tessuti perchè potrebbero portare via brandelli di pelle. Per quelle di 2°e 3° va allertato subito il 118 . Per le causticazioni dovute da sostanze chimiche, bisogna togliere la sostanza dalla parte interessata con acqua abbondante, in modo da limitare i danni causati dal contatto prolunghato con la sostanza, non utilizzare antidoti perchè potrebbero causare reazioni gravi e danneggiare la pelle, se la parte interessata sono gli occhi praticare subito  un lavaggio con acqua che va ripetuto per qualche minuto cercando di tenere le palpebre aperte.      
COLPO DI CALORE
Può essere causato dall’eccesiva esposizione ai raggi solari , da un ambiente  di lavoro  molto caldo come forni e caldaie , panettieri .La persona che presenta il colpo di calore deve essere sopstata in un ambiente fresco e deve bere acqua meglio se leggermente salata.

Nessun commento:

Posta un commento